www.sclerosi-multipla.com - Sito Internet Sclerosi Multipla

Sintomi della SM

Dolore

Sebbene, per molti anni si è creduto che la SM fosse una malattia non dolorosa, attualmente si ritiene che anche i pazienti con SM, in talune circostanze, possano accusare dolori importanti, con un impatto pesante sulla qualità di vita dei pazienti stessi.
Il dolore può essere suddiviso in tre differenti categorie:


Dolore muscolo-scheletrico

Questo tipo di dolore è localizzato essenzialmente a livello di articolazioni, muscoli, tendini e legamenti e si associa a debolezza muscolare e spasmi. Spesso, interessa le gambe, i fianchi e le braccia, soprattutto se sono rimaste ferme a lungo. Anche il dolore alla schiena si manifesta frequentemente e si associa, in genere, a una postura sbagliata. La stanchezza e gli spasmi possono causare contratture (accorciamento permanente dei muscoli) che generano un dolore persistente, che si accentua durante il movimento. I crampi possono essere molto dolorosi e verificarsi di notte.


Dolore parossistico

Il dolore parossistico consiste in un dolore intenso e acuto, simile a una coltellata. Spesso, interessa il viso (nevralgia trigeminale) o può decorrere lungo la colonna vertebrale, come una scossa elettrica, scatenato dalla flessione della testa. I neurologi chiamano questo segno come Lhermitte
ed è dovuto a un’irritazione delle radici spinali. Nei casi più gravi, si può utilizzare un collare morbido, per prevenire tale dolore.


Dolore neuropatico cronico

Questa è la forma di dolore più comune e fastidiosa, nei pazienti affetti da SM. E’ causato da segnali nervosi difettosi, all’interno del sistema nervoso centrale e del midollo spinale.
Possono essere distinti due differenti tipi di dolore neuropatico:


Controllare il dolore

Per ridurre il dolore, è fondamentale il contributo personale che ciascun paziente deve fornire, svolgendo le comuni attività quotidiane e rimanendo sempre dinamico ed impegnato. L’impegno e l’attenzione, infatti, possono già da sole ridurre la percezione del dolore, distraendo il paziente.
Inoltre, può essere utile intraprendere una, o più, di queste pratiche:

Tutti questi trattamenti devono essere effettuati esclusivamente presso centri specializzati e da terapisti esperti, per evitare possibili danni.


Trattamento farmacologico

Il trattamento farmacologico dovrebbe essere sempre discusso con il proprio neurologo.


Bibliografia

1. - Barnes D - Multiple Sclerosis. Questions and Answers. Merit Publishing International 2000. pag. 125.


Community Ticker

Registered members: 1526

Currently online: 2

Forum postings: 644

Community login